AEMILIA 187 A.C. – UN PONTE VERSO UNA NUOVA IDEA DI CITTÀ

Parma
ottobre aemilia

Grazie al progetto verrà riscoperto l’antico Ponte Romano, nuovo spazio socio-culturale che unisce l’intervento di riqualificazione del sottopasso della Ghiaia e la creazione di un nuovo spazio in cui saranno esposti più di cento reperti archeologici.

Il progetto "Aemilia 187 a.C.”, che riporterà alla luce un pezzo dell’antica Parma Romana, prevede la creazione di un unico spazio pubblico museale all’aperto, incentrato sui reperti archeologici ritrovati durante gli scavi per i lavori della “Nuova Ghiaia”, di cui il Ponte Romano stesso costituisce “il reperto” per eccellenza, il recupero dei locali esistenti nella galleria del sottopasso, la creazione di un percorso pedonale urbano intorno al Ponte Romano con un articolato sistema di spazi su diversi livelli.
Il nuovo collegamento Nord/Sud ha forte valenza di rigenerazione urbana rivitalizzando aree a forte valenza commerciale e nello stesso tempo dà vita ad un nuovo percorso turistico a partire dal Complesso della Pilotta. Inoltre, visto il forte valore simbolico del luogo, come punto privilegiato da cui osservare la trasformazione storica della città, verrà creato un hub dell’Università di Parma, con la cui collaborazione sarà organizzata attività di didattica per le scuole, percorsi guidati, ricerche scientifiche, avvalendosi anche di tecnologie innovative.
Il nuovo spazio prevede l’esposizione di oltre 170 reperti provenienti dal Museo Archeologico di Parma che saranno appositamente restaurati, ed una serie di pannelli ed elementi di arredo urbano che consentiranno di creare un’esposizione permanente, che potrà nel tempo anche rinnovare le vetrine inizialmente organizzate secondo tematismi.


A cura del Comune di Parma in collaborazione con Soprintendenza
Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza,
Complesso Monumentale Pilotta e Università degli Studi di Parma