Da Mutina romana a Modena medievale

Modena
Lugli

Domenica 25 marzo, ore 16.30, ai Musei Civici di Modena Stefano Lugli illustra i risultati delle indagini svolte su malte e elementi lapidei di lussuosi edifici di Mutina a confronto con i materiali da costruzione del Duomo e della torre Ghirlandina

Proseguono le conferenze organizzate ai Musei Civici in collegamento alla mostra Mutina Splendidissima. La città romana e la sua eredità.

La cattedrale di Modena e la sua torre campanaria sono iscritte nella lista UNESCO del Patrimonio mondiale dell’Umanità come prestigiosi esempi di arte medioevale. I paramenti esterni di questi monumenti sono coperti da 22 varietà di pietre ornamentali in gran parte derivanti dalla spoliazione della città romana e provenienti anche da luoghi molto lontani, come la Grecia, la Tunisia, la Turchia e persino l’Egitto.

Stefano Lugli, professore all' Università di Modena e Reggio Emilia, illustra l’affascinante geoarcheologia delle rovine romane, oggi sepolte sotto circa 5 metri di sedimenti alluvionali, e le tecniche costruttive medioevali che hanno prodotto un esempio senza precedenti di spettacolare geoarchitettura.

Domenica 25 marzo, ore 16.30
Palazzo dei Musei, Musei Civici, sala Crespellani

Ingresso libero, a tutti i partecipanti verrà consegnato un biglietto omaggio alla mostra Mutina Splendidissima


Musei Civici di Modena, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

mostra@mutinasplendidissima.it
T. 370 3234539